La firma anti-Porcellum… e il suo significato

A prescindere da come vada a finire, sia riguardo al raggiungimento del sospirato quorum, sia riguardo al successivo giudizio di ammissibilità o meno della Suprema Corte,  un dato è ormai inconfutabile! I cittadini hanno risposto.
I cittadini si sono svegliati da quel passivo torpore nel quale erano scivolati.  E vi erano scivolati per cause molteplici.

E’ gioco facile intuire la natura comune delle suddette cause: la volontà, da parte di questa soffocante partitocrazia, di allontanarli della vita politica.
Un disegno perpetuato attraverso la composizione di un Parlamento che non li rappresenta, ma che rappresenta solo la volontà di pochi capipartito.

Quindi, relegati ai margini delle urgenze di questo Paese, hanno risposto con  “sentimernto e coscienza” –  hanno avuto uno scatto d’orgoglio. Urlando a gran voce, attraverso lo strumento referendario, tutto il loro disappunto verso questa classe politica, rea di averli delusi, trascurandoli nelle loro esigenze primarie,e trascinando la parte maggioritaria di loro verso una condizione di vera e propria “indigenza”.

E’ vero che il “mattarellum” non rappresenta la legge perfetta, ma è altrettanto vero che, rispetto all’indifendibile “porcellum”, restituisce uno dei diritti fondamentali, sancito dalla Costituzione e chiamato “democrazia”. La libertà  di poter scegliere! Libertà dalla quale nessuno mai può prescindere! Libertà che Unione Popolare difenderà sempre, anteponendola a qualsiasi altra idea, per non dimenticare che essa rappresenta il punto di partenza di ogni popolo sovrano!

La massiccia corsa alla firma, la grande partecipazione al referendum, la voglia di correggere una legge che tutti riconoscono come “porcata” significa soprattutto questo! Ai cittadini la democrazia interessa!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *